Analisi del terreno per tappeto erboso

23 giugno 2020
  • Whastsapp

Perché è importante analizzare il terreno

L'analisi del terreno deve essere fatta per conoscerne il grado di fertilità, fattore da cui poi è possibile costruire tutto il piano di concimazione per il tappeto erboso. Gli elementi nutritivi, infatti, devono essere presenti nella giusta proporzione e nella forma che la pianta è in grado di assimilare per permettere uno sviluppo sano e armonioso.

Conoscere il livello degli elementi nutritivi è molto importante, ma non è sufficiente da solo per poter gestire al meglio un tappeto erboso. Bisogna considerare che il suolo ha il compito di fornire umidità e ossigeno necessari al funzionamento del sistema radicale. Deve trattenere l'acqua e contemporaneamente essere ben drenato, in quanto i ristagni riducono la quantità d'ossigeno presente nel terreno stesso mentre un terreno che fa defluire l'acqua senza trattenerla è ricco di ossigeno ma carente di umidità. 

In generale, quindi, conoscere approfonditamente il suolo su cui si andrà a lavorare permette di strutturare una strategia manutentiva e/o di miglioramento efficace.

Cosa si legge in un'analisi

L'analisi ci permette di conoscere innanzi tutto due dati importanti:

  • il livello di nutrienti
  • il pH

Un’analisi del terreno media testa il valore del pH, il fosforo e il potassio e il materiale organico. Il report dell’analisi normalmente spiega quanto concime, calce (carbonato di calcio) o zolfo applicare per portare il terreno a livelli ottimali di nutrienti e pH. Si tratta di analisi relativamente poco costose ed i cui risultati sono disponibili velocemente. 

Gli elementi dell'analisi

pH

Il valore del pH dà molte informazioni sulla disponibilità di nutrienti. I terreni con pH inferiore a 6 normalmente sono poveri in calcio, magnesio e potassio. Terreni con un alto pH sono incapaci di fornire quantità sufficienti di altri elementi, tra cui il  ferro. È possibile far crescere un prato di alta qualità con valori pH tra 5 e 8.

Fosforo e Potassio

I valori delle analisi relativi a fosforo e potassio indicano la quantità di questi elementi disponibili per le plantule. A meno che il loro livello non sia molto basso, la normale prassi è di applicare un buon concime starter prima di seminare.

Azoto

L’azoto non è misurato, in quanto è altamente mobile nel terreno. Si pensi che il suo livello può variare nell’arco di ore.

Materia organica

La percentuale di questo elemento offre molti indizi sulla fertilità del terreno. L’intervallo ideale va da 2 a 5.

Prelevare i campioni

L’analisi va fatta su campioni rappresentativi dell’intera superficie che vanno raccolti in parti diverse del lotto. Su un prato di 4-500 m2 2 campioni sono sufficienti per ottenere risultati attendibili. Se non diversamente indicato dal laboratorio, prelevare i campioni ad una profondità di 10 centimetri.