Cereali autunno-vernini: concimazione localizzata alla semina

  • Whastsapp

Concimazione localizzata alla semina dei cereali autunno-vernini

Perchè la concimazione localizzata alla semina

La concimazione localizzata alla semina con Agromaster, concime a cessione controllata, produce un duplice vantaggio

  • migliora l'affrancamento nella fase di accestimento
  • aiuta nella lotta contro le malerbe infestanti

Con l’avvicinarsi dell’autunno, per chi produce cereali autunno-vernini, iniziano le lavorazioni del terreno nel caso si prepari il letto di semina o si procede con la ripulitiura dalle erbe infestanti nel caso si pratichi la semina su sodo.  In questa fase d’abitune si procederebbe con una concimazione a pieno campo con DAP 18-46. Oggigiorno la pratica più consigliata è la concimazione localizzata al momento della semina.

È una pratica

  • più economica
    • da uno a più passaggi in meno con il trattore
  • più efficace
    • nutre solo la coltura seminata e non le infestanti nell’interfila
    • riduce le operazioni colturali e gli apporti di concime

In questo senso, ogni anno vediamo un proliferare di nuovi modelli di seminatrici combinate che ci permettono di svolgere il lavoro di concimazione contemporaneamente alla semina.
Nella nostra lunga esperienza con l’utilizzo di questo tipo di sistemi di semina, inclusa la semina diretta combinata, vediamo che il controllo delle malerbe è più efficace, meno costoso e al tempo stesso si ottiene una miglior germinazione e una plantula fisiologicamente più recettiva a sfruttare la concimazione azotata di inizio levata.

Tipi  di concimi da usare alla semina

Prima di tutto dobbiamo considerare che nei cereali autunno-vernini una concimazione localizzata alla semina efficace e ben effetuata può incrementare la produzione finale anche  del 30%. I tecnici ICL Specialty Fertilizer, dopo anni di prove in molte parti del mondo, hanno constatato che i migliori risultati  si ottengono quando insieme al seme si localizza concime a cessione controllata con un rapporto

  • NP 1:1 in terreni con pH inferiore a 7,5
  • NP 1:4 in terreni con un pH superiore a 7,5 (terreni calcarei, carenti in fosforo).

La particolarità di questi concimi è l’avvolgimento dei propri granuli, composto da una membrana semipermeabile che funziona da protezione e al contempo permette un graduale rilascio di azoto e fosforo durante tutta la fase di accestimento.

I concimi che ICL Specialty Fertilizers propone per la concimazione dei cereali autunno-vernini appartengono alla gamma Agromaster, i cui vantaggi si possono riassumere nei seguenti punti:

  1. nessuna perdita di azoto per dilavamento o sublimazione
  2. nei terreni calcarei protezione del fosforo dall’insolubilizzazione
  3. prolungata e costante nutrizione della piantina
  4. nessun problema per il seme al momento dell’emergenza perché gli elementi nutritivi sono racchiusi e all’interno della membrana 

Perchè suggeriamo questi Agromaster

    TERRENI CHE NON PRESENTANO CARENZE DI FOSFORO

Su questo tipo di terreni consigliamo Agromaster Start Mini 21-21-5+2Mg+15SO3 2-3 mesi alla dose di 50/75 kg/ha (clicca sul nome del prodotto e vai alla pagina relativa)

    TERRENI CON pH SUPERIORE A 7,5 DOVE RISULTA EVIDENTE LA CARENZA DI FOSFORO 

Su terreni dove risulta evidente la carenza di fosforo consigliamo Agromaster Coated MAP Mini 10-43-0. Data dalla sua efficienza sono sufficienti 25 kg/ ha per soddisfare a pieno le esigenze di fosforo della coltura. Può essere aggiunto in tramoggia insieme al seme. Distribuire a strati avendo cura di ricoprire tutta la superfice della tramoggia. (clicca sul nome del prodotto e vai alla pagina relativa)