Come scegliere lo spandiconcime per tappeto erboso

4 dicembre 2017
  • Whastsapp

Come scegliere lo spandiconcime per tappeto erboso

Innanzitutto lasciaci precisare: noi preferiamo chiamare gli spandiconcime con un nome diverso, ovvero li chiamiamo carrelli applicatori. Perchè? Li puoi usare per spargere sia concime sia sementi. Ma andiamo con ordine: per scegliere il carrello applicatore più adatto si devono tener conto 2 fattori:

  • il tipo di prodotto che va applicato
  • le condizioni in cui si sta operando

Scegliere in base al tipo di prodotto da applicare

Per scegliere meglio, devi valutare il tipo di prodotto che devi applicare. Il mio carrello applicatore è in grado di applicare concimi a cessione controllata oppure solo convenzionali? Si sa che la membrana di avvolgimento dei concimi a cessione controllata è molto importante per il funzionamento corretto in termini di durata del rilascio dei nutrienti: il carrello sbagliato può farti causare danni al teppeto erboso. E se devi seminare? Non tutti i carrelli sono adeguati.

Ecco qui sotto una panoramica:

N.B.: SS-2 e Classic Drop sono carrelli a caduta mentre SR-2000, AccuPro2000, EdgeGuard DLX e AccuPro 1000 sono carrelli a spaglio

Sceglire in base all’area in cui si opera

Oltre al tipo di prodotto da applicare, il giusto carrelo dipende anche dalle condizioni in cui devi operare. Come indicazione generale, gli spandiconcime a spaglio sono perfetti per grandi superfici e quando la rapidità di esecuzione è un elemento importante mentre gli spandiconcime a caduta sono più adeguati quando si devono fare applicazioni precise, lungo corridoi di spargimento diritti.

Se desideri un dettaglio maggiore su caratteristchie ed differenze delle 2 tipologie di applicatori, clicca qui e vai all’articolo di approfondimento.

Suggerimenti per una buona applicazione

  • Quando si opera il carrello va spinto e non tirato.
  • Si deve proseguire in linea retta con un passo stabile e moderato.
  • La velocità dell’andatura è cruciale per l’accuratezza. dell’applicazione perché variazioni di velocità influiscono sulla quantità di prodotto distribuita: riducendo l’andatura della metà, raddoppia la quantità applicata.
  • Chi mette a punto il carrello deve essere chi applicherà il prodotto e deve aver cura di camminare ad una velocità che sa di poter mantenere per tutto il tempo dell’operazione.
  • In genere è consigliabile una velocità normale di camminata di 5 km/h.
  • Mantenere la tramoggia chiusa mentre ci si gira, si fa retromarcia e si raggiunge un’area dove non si è ancora applicato il concime.
  • Su prati regolari consigliamo di iniziare applicando il prodotto su due bande alle estremità del lotto e si prosegue avanti ed indietro tra questi due capi. Le bande iniziali servono per girarsi: la tramoggia va riaperta appena prima di ripartire per permettere una leggera sovrapposizione.
  • In un giardino dal perimetro irregolare con cespugli ed aiuole è meglio iniziare con delle bande di contorno e poi riempire l’area andando avanti ed indietro.