Concimazione potassica pre-estiva

  • Whastsapp

Nutrizione e prevenzione: i segreti del successo

La corretta gestione degli apporti nutritivi, in termini di quantità di elementi forniti e di scelta del periodo di somministrazione, permette di ottenere prestazioni elevatissime da parte del tappeto erboso. 

In particolare, quando si va incontro a periodi di particolari stress climatici, è fondamentale prevenire o reagire con le giuste pratiche, bilanciando gli elementi capaci di rendere le piante reattive allo stress.

Un elemento fondamentale: il potassio

Il potassio (K), come l’azoto (N), gioca un ruolo fondamentale per la salute del tappeto erboso. La quantità annua assorbita è seconda solo a quella dell’azoto ed è un elemento attivamente coinvolto nel metabolismo cellulare della pianta. Aumentando la concentrazione dei succhi cellulari il potassio influisce sui suoi fabbisogni idrici, conferendole maggiore resistenza meccanica e agli stress ambientali.

In sostanza il manto erboso risulta più resistente al calpestio e alle malattie fungine come pure agli squilibri termici e idrici. Il potassio infatti influenza la sintesi e la traslocazione dei carboidrati e la sintesi degli amminoacidi e delle proteine, comportandosi come catalizzatore enzimatico in molte reazioni metaboliche; regola l’apertura e la chiusura degli stomi, influenza il potenziale osmotico cellulare, controlla l’assorbimento di molti altri elementi e regola infine il tasso di respirazione della pianta.

Apporto e dosaggio

La formulazione del concime incide in maniera consistente sulla durata degli effetti benefici e di mantenimento; in particolare la somministrazione di potassio assieme alle forme di azoto a lenta cessione ottimizzano l'assorbimento del potassio stesso, mantenendo la concentrazione del potassio all' interno della pianta ad un livello ottimale.

Il suo apporto annuo va quindi bilanciato con quello dell’azoto, mantenendolo a dosi leggermente inferiori rispetto a quest’ultimo.

Mediamente si opera nell’ambito dei 200 o 300 kg/ha, a seconda che si tratti di tappeti erbosi ornamentali oppure di campi da calcio altamente sfruttati.