Concimazione dell'uva da tavola con i concimi liquidi

1 febbraio 2021
  • Whastsapp

Concimare l'uva da tavola con concimi liquidi

Tra le pratiche colturali più importanti della coltivazione dell’uva da tavola, la concimazione riveste un ruolo fondamentale, condizionandone il risultato qualitativo e quantitativo e, rappresentando una voce di spesa, il risultato economico finale.

Un corretto programma nutrizionale deve permettere di ottenere un corretto equilibrio tra attività vegetativa e produttiva, mantenere un’elevata qualità dei frutti e una vegetazione sufficiente per l’assimilazione, limitando al contempo i costi e l’impatto ambientale.

La fertirrigazione, tecnica di distribuzione dei concimi in combinazione con l’acqua di irrigazione, rappresenta ormai una tecnica molto diffusa nella coltura dell’uva da tavola, in particolare nella fase di produzione. Questa tecnica infatti rappresenta una efficace soluzione per aumentare le rese e la qualità delle produzioni, ottimizzare e razionalizzare la distribuzione dei concimi riducendo le dosi e i costi e contenere l’inquinamento ambientale.

Piano di fertirrigazione

La redazione di un piano di fertirrigazione deve tenere presente numerosi fattori:

  • natura del suolo e sua dotazione in elementi nutritivi
  • qualità dell’acqua di irrigazione
  • combinazione di innesto
  • tipologia produttiva (anticipo di maturazione, standard, ritardo della raccolta)
  • forma di allevamento
  • sesto di impianto
  • livelli produttivi

 

A tutti questi fattori ICL propone un approccio integrato al problema della fertirrigazione, che non si limita al solo prodotto ma comprende un’assistenza tecnica dedicata in tutta le fasi della coltura.

La gamma Nutri Liquid comprende una vasta gamma di concimi liquidi di alta qualità, frutto dell’esperienza pluriennale di ICL; nella gamma sono presenti sia prodotti standard, rappresentati da concimi contenenti i macroelementi N, P e K (semplici o binari) sia soluzioni più complete come gli NPK, con o senza micronutrienti, nonché formulazioni specifiche per ogni coltura e fase fenologica.

L’assistenza ai clienti è parte integrante del prodotto. I tecnici ICL offrono un supporto personalizzato ai coltivatori. Assieme individuano e “formulano” il prodotto più indicato in base alla pratica aziendale. Non è la coltura che si adatta al concime bensì l’esatto opposto. Il concime viene messo a punto per rispondere alle precise esigenze di produzione.

I prodotti Nutri Liquid inoltre sono prodotti in Italia. Questo garantisce la produzione del concime al momento dell’impiego e la tempestività delle consegne e, allo stesso tempo, efficienza e sostenibilità a livello sia economico che ambientale.

La gamma Nutri Liquid è 5 volte innovativa perché ti permette di concimare:

nel momento giusto in base alla fase fenologica

alla dose giusta in base al fabbisogno della coltura

con la giusta formula con il rapporto NPK adeguato

nel punto giusto grazie alla precisione della localizzazione

senza sprechi: è economicamente razionale

L’approccio ICL alla nutrizione dell’uva da tavola

Come già accennato un corretto piano nutrizionale non può limitarsi al suggerimento a priori del prodotto e della dose da applicare, ma la soluzione deve derivare da un attento studio delle condizioni in cui ci si trova ad operare, anche avvalendosi di analisi del suolo, acqua irrigua, etc., attività che ICL è in grado di offrire grazie al personale tecnico presente sul territorio.

Prerogativa di ICL inoltre è di avere una gamma estremamente ampia di prodotti, in termini di formulazione e composizioni, che permettono ai tecnici di intervenire sia con concimazioni al terreno, utilizzando i concimi a cessione controllata della gamma Agromaster, sia in fertirrigazione utilizzando la gamma Nova (concimi solubili) e Nutri Liquid (concimi liquidi) e anche con la concimazione fogliare (Agroleaf Power, Agroleaf Liquid).

ICL grazie a questa vasta gamma vanta numerose esperienze nei più importanti areali di coltivazione dell’uva da tavola. In particolare, eccellenti risultati sono stati ottenuti nelle province di Bari, Taranto e Agrigento.

Partendo dalle analisi del suolo e dell’acqua irrigua e tenendo presente i fattori tipici della coltivazione quali areale, varietà etc., sono stati individuati piani di concimazione dedicati che hanno permesso di raggiungere eccellenti risultati qualitativi e quantitativi.

Indicativamente gli interventi proposti si possono così schematizzare:

  • Post raccolta: Agromaster 15-7-15
  • Aprile/Maggio: Nova Pekacid o Nutriliquid MagP
  • Maggio/Giugno: Nutriliquid 6-6-6 (in caso di varieta’ che richiedono meno Azoto, applicare Nutriliquid 4,7 – 3 – 7,8 + 2,9 CaO
  • Pre-fioritura: Nutriliquid Perfect Fit Pro Bio (1-2 applicazioni)
  • Inizio Ingrossamento acino: Nutriliquid CalMag

 

Il personale tecnico di ICL, permette di trasferire a livello locale le esperienze che ICL ha maturato e ogni giorno accresce a livello mondiale nel campo della nutrizione delle più svariate colture. Questa atttività è la base per una concimazione più razionale, efficiente, rispettosa dell’ambiente e economicamente sostenibile per l’agricoltore.

 

Contatta un tecnico ICL per maggiori informazioni