Generare un nuovo impianto: fasi e scelta delle sementi

4 settembre 2017
  • Whastsapp

Generare un nuovo impianto: fasi e scelta delle sementi

Seminare un prato nuovo

Nella creazione di un nuovo tappeto erboso le strade da scegliere sono due: posare un prato a rotoli o seminare. Quando si decide di seminare è necessario avere bene in mente:

  • risultati che si vogliono ottenere
  • budget
  • tempo a disposizione

Seminare è la soluzione più economica e che può dare i migliori risultati sul lungo periodo. Diversamente il prato a rotoli è  ottimale quando si desidera lavoro più rapido. La destinazione d’uso del prato è un’altra importante variabile da considerare per scegliere le varietà da utilizzare.

Quando seminare

Alle nostre latitudini, la stagione autunnale è il periodo ideale per seminare un tappeto erboso nuovo. La temperatura del suolo è più favorevole, ci sono meno malerbe e c’è meno rischio di siccità.

I passaggi fondamentali

Per eseguire un impianto a regola d’arte alcuni passaggi sono imprescindibili:

Preparazione del terreno

La base per cominciare è il terreno: se preparato male può compromettere la riuscita di tutto il lavoro. Vanno rimosse le malerbe e si deve dissodare la superficie. Idealmente i primi 200-250 mm di terreno dovrebbero essere smossi per rimuovere eventuali detriti e pietre.

Se possibile, la superficie dovrebbe essere lasciata incolta per alcune settimane prima di procedere con la preparazione del letto di semina definitivo. In questo modo si incoraggia la germinazione delle infestanti dormienti. Eliminandole si riduce ulteriormente la presenza di semi infestanti.

Nella preparazione del letto di semina è importante assicurarsi che la superficie sia uniforme, priva di dossi e avvallamenti perché portano all’accumulo di acqua e rendono difficili le operazioni di taglio. Il letto di semina va rastrellato (in diverse direzioni) e vanno rimossi anche i sassolini di dimensione superiore ai 2 cm.

Miglioramento della struttura del suolo

Potrebbe essere necessario intervenire sulla struttura del suolo, incorporando materiale adatto al miglioramento delle caratteristiche fisiche del terreno. Ad esempio in terreni pesanti aggiungere sabbia migliora l’effetto drenante. In terreni sciolti è bene aggiungere materiale organico come compost; ancora: materiale organico a base di alghe è utile a trattenere l’umidità.

Pre-trattamento

Eseguire una concimazione del letto di semina 1-2 giorni prima della semina stessa aiuta le nuove piante ad insediarsi e svilupparsi rigogliose. Ad esempio un concime pre-semina con titolo alto in fosforo come LandscaperPro New Grass 16-25-12, può essere apportato ad una dose tra i 25 e i 35 g/m2. E’ l’elevato contenuto in fosforo a stimolare infatti lo sviluppo radicale perché è un elemento essenziale nelle prime fasi di accrescimento. Radici forti sono la precondizione per un manto erboso sano e resistente.

Semina

La scelta del miscuglio deve essere accurata e pensata in base alla destinazione d’uso. Vanno considerate le specifiche caratteristiche delle varietà stesse. Colore, resistenza al calpestio, tolleranza alle zone d’ombra, alla salinità, alle alte o basse temperature, sono le principali qualità.

LandscaperPro propone miscele per aree ornamentali di pregio sottoposte a calpestio poco intenso come LandscaperPro Finesse mentre i problemi dei giardini con aree ad ombreggiamento misto possono essere risolti da LandscaperPro Sun&Shade. Su superfici ad alto irradiamento solare e/o sottoposti a usura elevata è bene scegliere miscugli ad alto contenuto di Festuca arundinacea (LandscapePro Performance e LandscaperPro Supreme)

Le dosi di semina variano a seconda del miscuglio scelto, ma solitamente vanno da 35 a 45 g/mq.

Per favorire la germinazione e bene irrigare più volte al giorno con tempi di irrigazione brevi. Va temitp presente che il fattore più importante è mantenere la semente idratata. (v. link in fondo all’articolo)

Manutenzione

Il primo taglio può avvenire quando l’altezza delle lamine raggiunge i 40-50 mm. Assicurarsi di mantenere un’altezza di taglio non oltre 1/3 della lunghezza della lamina fogliare. (v. link in fondo all’articolo)
Irrigare preferibilmente al mattino aumentando il tempo e riducendo la frequenza.

 

Creare un nuovo prato partendo dalla semina è più economico di un prato a rotoli ma richiede un lavoro iniziale più lungo e più accurato; il risultato finale è, ugualmente, un tappeto erboso sano che, se mantenuto correttamente, potrà durare molti anni.

 

Smart Start: tecnologia di avvolgimento delle sementi Falciare il prato: suggerimenti per tagliare l’erba in modo corretto Scegliere sementi di qualità per tappeto erboso, paga.