Il ruolo fondamentale di alcuni processi su assorbimento ed efficienza dei nutrienti

3 ottobre 2019
  • Whastsapp

I processi che svolgono un ruolo fondamentale per ottimizzare gli elementi nutritivi

Per crescere, le piante hanno bisogno di luce solare, acqua e sostanze nutritive: è semplice. Noi dobbiamo riuscire a ottimizzare la crescita e la nutrizione e per far questo dobbiamo guardare e capire come funzionano le piante.

Crescita = fotosintesi - respirazione

La fotosintesi è il processo che avviene all'interno delle parti verdi delle piante, dove viene prodotta energia sotto forma di zuccheri e ossigeno. Questi processi sono influenzati dalla luce del giorno. Come consiglio generale: cercare sempre di massimizzare la fotosintesi perché è la chiave per una buona crescita.

Crescita

Detta con semplicità, la crescita è pari alla differenza tra fotosintesi e respirazione. Se una pianta riesce a produrre più energia durante la fotosintesi di quanta ne consuma durante la respirazione, crescerà. La crescita, di fatto, è un aumento della sostanza (massa) secca.

Fotosintesi

Un breve riepilogo: per fotosintesi si intende la complessa reazione chimico-fisica con cui le piante trasformano l'energia solare in zuccheri. La pianta assorbe anidride carbonica dall'aria e acqua dal suolo, combinandoli per formare carboidrati (zuccheri). Come sottoprodotto, rilascia ossigeno. La fotosintesi dipende dalla temperatura e dall'esposizione alla luce, e avviene solo durante il giorno.

Respirazione

Le piante (come gli esseri umani) bruciano zuccheri e producono anidride carbonica durante la respirazione. Oltre agli zuccheri, la respirazione richiede anche ossigeno e acqua. A differenza della fotosintesi, la respirazione non richiede la presenza luce: si verifica sia durante il giorno, sia durante la notte.

La struttura della pianta: essenziale per una crescita ottimale

Funzioni della foglia

Le foglie contengono clorofilla e cloroplasti, due componenti essenziali nella produzione di zuccheri tramite la fotosintesi. Le foglie operano lo scambio di gas attraverso gli stomi (consumo di CO2 meno produzione di O2). Anche l'evaporazione avviene attraverso le foglie. L'evaporazione è necessaria per i processi di raffreddamento della pianta e fornisce la forza che veicola acqua e nutrienti all'interno della pianta.

Lo stelo

Lo stelo della pianta trasporta acqua e nutrienti e fornisce resistenza fisica, crescita e divisione cellulare.

Le radici

Le radici delle piante assorbono acqua e nutrienti. Tuttavia va considerato che l'assorbimento effettivo di acqua e nutrienti avviene solo attraverso i peli radicali, freschi e attivi. L'apparato radicale in sé spinge l'acqua in alto verso la pianta, scarica le sostanze di scarto e dà stabilità alla pianta nel terreno.

Stabilire un trasporto efficiente dei nutrienti

I nutrienti del suolo si dividono in tre categorie di base: macro-, meso- e microelementi. Per poter avere crescita, deve esserci un corretto equilibrio tra queste categorie.

Elemento Rapporto nel tessuto nella pianta
Molibdeno 1
Rame 100
Manganese 1.000
Calcio 100.000
Azoto 1.000.000

Questa tabella dà un'idea di massima dei rapporti ottimali tra gli elementi nutritivi nel tessuto delle piante.

I nutrienti vengono assorbiti dalle piante sotto forma di elementi nutritivi. Le piante possono assorbire solo elementi disciolti nell’acqua.

L'acqua è il veicolo essenziale, con un ruolo chiave nella fotosintesi e nella nutrizione delle piante. Senza acqua, non può esserci crescita.
Si potrebbe affermare che l'acqua è la sostanza più essenziale per la pianta. Ha un ruolo chiave:

  • nell'evaporazione e traspirazione, per abbassare la temperatura delle foglie
  • nella crescita di steli e foglie forti
  • nell'assorbimento e nel trasporto di nutrienti e sali minerali 

Tre modi in cui possiamo aiutare la pianta

  1. Stimolate la rigenerazione continua dell’apparato radicale. Acqua e nutrienti raggiungono la pianta solo attraverso i peli radicali. Si incoraggia la crescita delle radici applicando concimi ad alto contenuto di fosforo.
  2. Usare solo concimi completamente e perfettamente solubili, poiché hanno un effetto migliore e contribuiscono a mantenere bassi i livelli di conducibilità elettrica nel substrato di coltivazione.
  3. Adattare l'irrigazione alle esigenze idriche della pianta nei diversi momenti:
    • Mantenere livelli di umidità costanti in vasi e contenitori, senza lasciar seccare: penetrare le aree idrofobiche può essere difficile, il che inibisce la capacità della pianta di assorbire nutrienti e crescere. Un agente umidificante può aiutare a risolvere i problemi di gestione dell'acqua e ridurre la frequenza di irrigazione.
    • Creare le migliori microclima possibile intorno alla pianta per ridurre al minimo l'evaporazione. Più evaporazione significa dover irrigare più spesso. Va fatta quindi attenzione quando le piante sono esposte alla luce solare diretta o soggette a venti orientali secchi. Minore è l'evaporazione, maggiore è l'energia che la pianta può dedicare alla crescita.