Immagazzinare i concimi

  • Whastsapp

Immagazzinaggio dei concimi: cosa fare

Tra i rischi di immagazzinaggio si annoverano la fuoriuscita del prodotto a causa di sacchi e/o contenitori rotti o danneggiati, l’abbassamento del livello di sicurezza a causa di un uso irresponsabile, l’accumulo di materiali scaduti che porta anche all’accatastamento di eccessive quantità di concimi, la combustione dei composti ossidanti dei fertilizzanti (ad esempio i nitrati) causata da incendio o altra cause avverse. I concimi possono provocare notevoli danni se raggiungono l’acqua di superficie o l’acqua freatica.    

Operazioni di movimentazioneInterno di un magazzino altamente automatizzatoGestione pallets in piazzale di stoccaggio

Ecco i punti più importanti da considerare per immagazzinare in sicurezza

  1. Adibire allo stoccaggio un edificio o un’area distanti da uffici, acque di superficie, abitazioni, fiumi e corsi d’acqua. 
  2. I concimi non devono essere immagazzinati in prossimità dei pesticidi, devono essere tenuti al riparo da fonti di calore e da possibili inondazioni.
  3. L’area in cui si stivano i concimi deve avere un pavimento impermeabile con doppio contenimento. La zona adibita a questo scopo deve essere lontana da materiale vegetale e aree di forte passaggio.
  4. L'edificio/area devono poter essere chiusi a chiave e chiaramente identificati come zone adibite allo stoccaggio dei concimi.
  5. Per rendere più tempestivi ed efficienti eventuali interventi di emergenza dovuti a incendi o casi di sversamento, prevedere cartelli su finestre e porte che forniscano ai pompieri informazioni sui concimi e gli altri prodotti presenti. Estintori e numeri di emergenza devono essere visibili e facilmente accessibili.
  6. Utilizzare dei pallet per tenere sollevati dal pavimento i fusti o i sacchi più grandi. Gli scaffali dove sono destinati i contenitori più piccoli devono avere un bordo per impedirne la caduta o scivolamento. Per la facilità di pulizia e manutenzione, preferire gli scaffali in acciaio rispetto a quelli in legno.
  7. Le aree adibite all’immagazzinaggio degli acidi devono avere un pavimento impermeabile e tutte le superfici vanno realizzate con una pendenza in direzione di un pozzetto di scarico pensato per accogliere eventuali sversamenti. I dispositivi di protezione individuale devono essere sempre disponibili.
  8. Tenere sempre a disposizione adeguati strumenti e materiali per la pulizia di eventuali versamenti di liquidi (ad esempio materiali assorbenti) e solidi (ad esempio un badile, una paletta per la spazzatura, una scopa e dei secchi).
  9. Dove sono immagazzinati prodotti destinati all’utilizzo nelle aree di produzione, non devono essere presenti prodotti alimentari, bevande, tabacchi o mangimi.
  10. Se si immagazzinano grandi fusti, va predisposta un’area sufficientemente ampia da contenere il 125% del contenuto di tali fusti. Va prestata una particolare attenzione nel caso di stoccaggio di soluzioni concentrate. Perdisporre un doppio contenimento.
  11. I sacchi e le scatole di concimi devono essere aperti con cutter o forbici; i contenitori aperti vanno risigillati e conservati in un luogo secco e asciutto.
  12. I concimi devono essere conservati nei propri contenitori originali, purché non danneggiati; le etichette devono essere visibili e leggibili; non usare contenitori alimentari o porta bevande.
  13. L’inventario dovrà essere aggiornato puntualmente ogni volta che un prodotto chimico viene aggiunto o prelevato; i materiali devono riportare la data di acquisto e, se scaduti, vanno eliminati in conformità con le più recenti disposizioni ambientali.
  14. Va predisposto un controllo meccanico della temperatura e non ci devono essere fonti dirette di calore (finestre esposte al sole, condutture di vapore, fornaci, ecc.). Assicurarsi che vi sia un’adeguata ventilazione.
  15. I concimi non devono essere conservati all’interno di pozzi, né funzionanti né dismessi.
  16. Bisogna garantire adeguato accesso ai veicoli che effettuano le consegne e agli operatori.