L'impegno ambientale secondo ICL Specialty Fertilizers

  • Whastsapp

La nostra politica ambientale

Siamo pienamente consapevoli dell’importanza della salvaguardia ambientale e dell’adeguamento a metodi produttivi responsabili e sostenibili. Crediamo sia importante cooperare per un futuro più verde e sostenibile. la nostra politica ambientale si basa su: 

  1. Salvaguardare l’ambiente
    ICL non utilizza processi che generano emissioni gassose inquinanti e ha installato circuiti chiusi per il riciclo delle acque reflue. Ci siamo inoltre impegnati a fornire a tutti i nostri dipendenti la formazione e gli strumenti necessari per operare in modo eco-responsabile. È nostro dovere proteggere l’ambiente e per fare ciò ci proponiamo di ridurre il consumo di energia e di acqua.
  2. Controllare l’impatto ambientale
    Ai sensi della nostra politica, ci impegniamo a valutare l’impatto ambientale di tutti i nostri processi. Inoltre, investiamo continuamente
    in tecnologie innovative più pulite e più sicure, al fine di migliorare l’efficienza dei nostri prodotti e  ridurre il consumo di energia.
  3. Promuovere le migliori pratiche agronomiche
    ICL promuove pratiche agronomiche più efficaci, per garantire un uso sicuro e ottimale dei concimi. Promuoviamo metodi di  applicazione personalizzati, in modo che le dosi di prodotto siano adeguate alle esigenze specifiche della pianta. Raccomandiamo inoltre ai nostri clienti di trasportare, conservare e maneggiare i nostri prodotti in modo responsabile ed ecosostenibili.

Oltre ad essere membro di GLOBAL G.A.P., ICL Specialty Fertilizers aderisce al Responsible Care® Program

Il Responsible Care® Program si dedica al miglioramento della salute ambientale globale, della sicurezza e delle prestazioni sostenibili. ICL è un sostenitore dei principi esposti nel Responsible Care Global Chart of the International Council of Chemical Associations (Carta Globale di Responsabilità dell’Industria Chimica per lo Sviluppo Sostenibile).

I principi prevedono:

  • La gestione dei prodotti
  • La responsabilità della gestione del rischio ambientale
  • L’aumento della trasparenza all’interno della catena di approvvigionamento
  • La contribuzione ad uno sviluppo sostenibile
  • Il miglioramento del dialogo tra azionisti e gli enti di controllo esterni