Maggio: piena fase vegetativa del tappeto erboso Concimazione e uso del regolatore di crescita

25 aprile 2021
  • Whastsapp

Maggio: piena fase vegetativa del tappeto erboso Concimazione e uso del regolatore di crescita

A maggio si entra nel pieno della fase vegetativa del tappeto erboso e aumenta l’importanza delle operazioni aagronomiche. Le pratiche di aerazione del tappeto erboso non si limitano a verticut e arieggiature bensì includono anche carotature e chiodature.

Carotatura e chiodatura del tappeto erboso a confronto

La carotatura consiste in una estrazione parziale del terreno tramite appositi macchinari a fustelle cave e prevede il reintegro di materiale sabbioso utile agli scambi gassosi. Diversamente la chiodatura (o bucatura) permette la sola penetrazione di ossigeno senza reintegro di materiale drenante. Il vantaggio della chiodatura rispetto alla carotatura è la maggior velocità dell’operazione ma anche la possibilità di intervenire più frequentemente senza danneggiare eccessivamente il manto erboso anche con maggiore profondità. Ripetuti interventi di chiodatura del tappeto erboso possono migliorare il drenaggio e aumentare l’aerazione dell’apparato radicale.

Caratteristiche del tappeto erboso a maggio

A Maggio nelle graminacee si accentua la formazione di nuovi culmi di accestimento. In questo mese lo sforzo della pianta d’erba è tutto concentrato a intensificare la produzione di nuovi accestimenti che sono il risultato della ramificazione della parte basale del culmo: il fulcro della capacità rigenerativa delle piante d’erba che producono nuovi germogli dalla zona meristematica alla base della pianta (corona). Col termine accestimento ci si riferisce anche al singolo ramo. 

La concimazione del tappeto erboso a maggio

I culmi di accestimento vanno assistiti a livello nutrizionale per favorire la densità del tappeto erboso e la sua capacità di recupero dai traumi. Da un punto di vista della nutrizione, nella prima parte del mese il rapporto NPK dei concimi per tappeto erboso può restare 2:1:2 o anche 3:1:3. Verso la fine di maggio ci si può iniziare a orientare su titoli più alti in potassio, dato che le temperature iniziano ad alzarsi e ci si avvicina all’estate, periodo di stress climatici. Il potassio è un elemento che stimola la presenza di succhi cellulari e quindi influisce sui bisogni idrici della pianta d’erba che, correttamente nutrita, sarà più resistente.

Rinforzare il tappeto erboso, aiutandone la densità e salute, è utile per aumentare la sua capacità di affrontare la competizione con le infestanti. Ricordiamo che a Maggio la Poa annua è in piena attività vegetativa.

L’uso del regolatore di crescita: strumento fondamentale per la salute e forza del tappeto erboso

Essendo nel pieno della fase vegetativa del tappeto erboso, a maggio anche l’utilizzo del regolatore di crescita è importante, in modo da stimolare e incrementare la capacità di accestimento della pianta. In più è un valido strumento di lotta agronomica alla Poa annua perché aiuta a diminuire la misura delle sue infiorescenze, riducendone la vigoria. Ma il più evidente vantaggio di inserire l’uso del regolatore di crescita Primo Maxx II nel piano di gestione del tappeto erboso probabilmente è che permette di abbassare di molto i tempi e il numero degli sfalci. L’argomento merita un approfondimento e ti invitiamo a proseguire in questo articolo dedicato proprio alla riduzione della frequenza di taglio grazie all’uso del regolatore di crescita.

Pratiche manutentive e possibili problematiche del tappeto erboso a maggio

A Maggio è possibile abbassare l'altezza di taglio, sempre in linea però con le altezze di taglio minime consentite dalle specie impiegate. Sebbene stia arrivando il caldo, sono ancora possibili delle trasemine di rinfoltimento, qualora serva rigenerare. Un'utile pratica per il rafforzamento della superficie inerbita è l'applicazione di prodotti ad azione biostimolante per l'apparato radicale (Vitalnova SMX e Vitalnova Stressbuster).

In questo mese, oltre alla citata Poa annua alle infestanti microterme graminacee e dicotiledoni, iniziano a comparire le malerbe infestanti macroterme annuali, come la digiataria. Per approfondire un articolo su come diserbare in modo efficace con gli erbicidi di pre-emergenza.

Tra i patogeni fungini bisogna fare attenzione alle ruggini, all'Elmintosporiosi e al filo rosso. 

Consulenza su misura? Contatta l'esperto ICL