Malattie fungine del prato: Ruggine

8 agosto 2017
  • Whastsapp

Malattie fungine del prato: Ruggine

La ruggine del prato: riconosceree affrontare questa patologia

La Ruggine è una malattia di fine estate e autunnale, causata dagli agenti patogeni Puccinia spp. e Uromyces spp. Il periodo di maggior pressione va da Agosto a Novembre.

Caratteristiche della Ruggine (Puccinia spp., Uromyces spp.) 

Specie maggiormente colpite: numerose specie da tappeto erboso, alcune in modo specifico (microterme tutte, in particolare Poa pratensis).

Sintomi: pustole di colore arancione/marrone sulle singole foglie. Intorno alle pustole può essere evidente un alone clorotico dovuto a necrosi. Inizialmente si evidenziano piccole macchie o lesioni gialle sulla superficie delle foglie. Le lesioni poi si allargano, si allungano leggermente e alla fine si lacerano evidenziando minuscole pustole di color arancio-ruggine.

Condizioni di sviluppo:Ruggine l’arco di temperature per lo sviluppo è piuttosto ampio, con un picco favorevole tra i 18° e i 30° C, accompagnato da una prolungata rugiada di 8-12 ore. La Ruggine diventa talvolta un problema quando l’erba perde vigore, durante la crescita estiva. Questo si verifica generalmente dopo un prolungato periodo di siccità.

  • condizioni di elevata temperatura/umidità
  • bassa intensità luminosa
  • periodi prolungati di bagnatura fogliare (10-12 ore)
  • colpisce in modo più intenso i tappeti erbosi a crescita lenta
  • di solito indica la presenza di situazioni di stress, come ad esempio siccità, utilizzo di un concime inadeguato, zone ombreggiate

Come controllare la Ruggine (Puccinia spp., Uromyces spp.)

Rimedi agronomici

Per ridurre la possibilità di insorgenza, vi sono alcuni suggerimenti da seguire:

  • mantenere il tappeto erboso in buona salute. Apportare sufficienti elementi nutritivi, soprattutto verso la fine della stagione di crescita
  • usare concime a lenta cessione a stagione inoltrata in vista dell’autunno. In questo modo si aiuta a preservare la disponibilità di sostanze nutritive e la buona salute del tappeto erboso.
  • irrigare al mattino, per evitare che le lamine fogliari rimangano umide durante la notte
  • favorire la ventilazione del tappeto erboso
  • nel caso di presenza di Ruggine, per ridurre il numero di spore, tagliare il tappeto erboso con regolarità rimuovendo i residui di taglio
  • contro la Ruggine è preferibile optare per miscugli di diverse varietà rispetto a tappeti erbosi seminati in purezza
  • intervenire prontamente con fungicidi in caso di gravi attacchi

 

Ruggine: strategia preventiva in un’ottica integrata 
Tutto l’anno:
  • Migliorare la luminosità e circolo d’aria
  • Aumentare sensibilmente le altezze di taglio
  • Aerare regolarmente per mantenere il profilo del terreno ossigenato
Da Aprile a Ottobre:
  • Mantenere un adeguato rapporto di nutrienti
  • Gestire l’irrigazione in modo ottimale per ridurre le ore di bagnatura fogliare
  • Raccolta del residuo di taglio
In primavera e autunno:
  • Trasemina con cultivar meno suscettibili