Ortive - Scheda di coltivazione in vivaio

  • Whastsapp

Coltivare le ortive in vivaio

Le Ortive possono essere coltivate apportando elementi nutritivi con due modalità differenti. La tecnica più tradizionale prevede l’utilizzo dei soli concimi idrosolubili, l’altra l’uso di idrosolubili e concimi a cessione controllata in combinazione. Entrambe consentono di produrre piante di qualità.

In questi ultimi anni il settore ha visto differenziare le tipologie di supporto, spaziando dall'alveolo al vasetto. Nel momento della scelta del prodotto a cessione controllata sarà importante quindi valutare il tipo di contenitore utilizzato e la sua volumetria. 

Miscelare il concime nel substrato è vantaggioso

Pur fornendo notevoli vantaggi, la coltivazione con concimi a cessione controllata è meno conosciuta rispetto all'utilizzo dei soli idrosolubili e sta incontrando il favore dei produttori solo negli ultimi tempi, grazie anche all'evoluzione della tecnica di applicazione e al radicale cambiamento delle pratiche colturali. Inoltre, la maggiore precisione nella produzione dei concimi a cessione controllata a livello industriale li rende uno strumento affidabile e preciso. 

Bisogna pensare che, generalmente, per queste coltivazioni si utilizzano substrati (molto fini) che contengono al loro interno un concime minerale composto, solubile, con una durata che varia da alcuni giorni a una/due settimane. La possibilità di utilizzare un substrato già concimato con CRF (Controlled Release Fertilizers) aiuta a risparmiare sui costi di manodopera e supplisce alle mancate fertirrigazioni (in toto o in parte in funzione del dosaggio), garantendo una crescita costante e compatta delle giovani piantine. 

Osmocote offre una disponibilità continua dei nutrienti, previene le carenze nutrizionali, riduce l’uso di idrosolubili, rende omogenea la produzione e consente una crescita ottimale delle piante anche quando non è possibile irrigare (es. periodi piovosi o nel caso di un substrato con eccessiva ritenzione idrica).

Prodotti e granulometria

I fertilizzanti a cessione controllata idonei per questo tipo di coltivazione sono diversi e la scelta verrà fatta in funzione delle dimensioni del contenitore e della durata del ciclo di produzione.

Prodotto Durata Granulometria e uso
Osmocote Start 11-11-17+2MgO+micro 6/8 settimane Fine (1-2,5 mm) idoneo anche per volumi ridotti
Osmocote Bloom 12-7-18+1,5MgO+micro 2/3 mesi Fine (1-2,5 mm) idoneo anche per volumi ridotti
Osmocote Exact Mini 15-9-11+2MgO+micro 3/4 mesi Fine (1-2,5 mm) idoneo anche per volumi ridotti
Osmocote Exact Mini 15-9-11+2MgO+micro 5/6 mesi Fine (1-2,5 mm) idoneo anche per volumi ridotti
Osmocote Exact Standard 3/4 oppure 5/6 mesi Normale (3-4,5 mm)

 

Con prodotti a granulometria molto fine si ottiene una distribuzione precisa ed omogenea anche in volumi ridotti, mentre i prodotti a granulometria normale sono adatti a colture a durata maggiore e/o per coltivazione in contenitori più capienti (piante innestate).

Nella tabella vediamo un esempio di utilizzo dei prodotti nel sistema combinato CRF+idrosolubili e solo idrosolubili

Coltivazione con Osmocote e idrosolubili Fase Colturale Coltivazione 100% con idrosolubile

Osmocote Start 6/8 settimane da 0,75 a 1,3 g/l;

in copertura da 50 fino a 100 gr/mq (Il prodotto ha la stessa efficacia sia in miscela che in topdressing)

oppure
Osmocote Bloom 2/3 mesi da 0,8 a 2,5 g/l oppureoppure

Osmocote Exact 3/4 mesi da 1-2 g/l (oppure 30-80 g/mq)

Osmocote Exact 5/6 mesi da 1-2,5 g/l (oppure 50-100 g/mq)

Invaso/Semina

Peters Professional 10-52-10 (opp. 09-40-25)    

oppure 

Universol 12-30-12

Crescita

Peters Professional 6-18-36, 9-9-36, 9-40-25, 14-0-14+11CaO

Peters Excel 14-10-26, 15-14-25, 13-5-20+7CaO,15-5-15+7CaO

Universol 4-19-35, 5-10-36, 10-10-30, 11-10-28 HW,

11-11-31+2CaO SW, 14-07-22+5CaO SW

 

Osmocote offre una disponibilità continua dei nutrienti, previene le carenze nutrizionali, riduce l’uso di idrosolubili, rende omogenea la produzione e consente una crescita ottimale delle piante anche quando non è possibile irrigare (es. periodi piovosi o nel caso di un substrato con eccessiva ritenzione idrica).

Prodotti idrosolubili
Gli idrosolubili suggeriti nella tabella iniziale si riferiscono all’utilizzo con acqua normale. Nel caso di acque dure o dolci far riferimento alle alternative indicate nella tabella a seguire.
Per “acqua dura” si intende un’acqua con valori di bicarbonati (HCO3-) superiori ai 200-250 mg/l, ed una durezza dH maggiore di 9-10°.
Per “acqua dolce” si intende un’acqua con valori di bicarbonati (HCO3-) inferiori ai 100 mg/l, ed una durezza dH inferiore di 5°.
Le acque normali hanno valori intermedi.

Acque normali Acque dolci Acque dure

Peters Professional 6-18-36

Peters Professional 9-9-36

Peters Excel 13-5-20

Peters Excel 15-5-15

Peters Excel 14-10-26

Peters Excel 15-14-25

Universol 4-19-35

Universol SW 11-11-31

Universol HW 11-10-28

Universol 5-10-36

Universol 10-10-30

Universol SW 14-7-22+5CaO