Polysulphate™ un nuovo concime agricolo efficace a basso impatto ambientale

15 febbraio 2021
  • Whastsapp

Polysulphate™ un nuovo concime efficace a basso impatto ambientale

Esiste un concime fonte naturale di zolfo, potassio, magnesio e calcio. È la polyhalite, un nuovo minerale multi-nutriente solubile estratto da uno strato di roccia polialitico e commercializzata col nome di Polysulphate. La polyhalite è disponibile nel suo stato naturale, ha elevata qualità, è affidabile e ha un basso impatto ambientale: il processo naturale con cui viene prodotta la rende un concime a bassa impronta di carbonio. Questo aiuta i coltivatori a raggiungere i target di impronta di carbonio richiesti dai rivenditori e da alcune industrie di trasformazione alimentare. E' un concime autorizzato anche in agricoltura biologica,

Polysulphate è un concime ideale per tutte le colture, in particolare brassicacee, cereali, legumi, ortaggi da campo, prati di trifoglio e colture da insilare. La composizione chimica di questo concime lo rende particolarmente adatto per le colture che preferiscono bassi livelli di cloruro nel terreno, come tabacco, vite e altri fruttiferi e dove è desiderabile avere un maggiore contenuto di sostanza secca, come nelle patate.

Oltre al solfato, Polysulphate offre naturalmente preziosi livelli di potassio (K), magnesio (Mg) e calcio (Ca): vediamo cosa significa per le colture:

Benefici di zolfo, potassio, magnesio e calcio in agricoltura

  • Lo zolfo (S) viene assorbito principalmente sotto forma di solfato (SO4--) dalle piante, è parte di ogni cellula vivente ed è necessario per la sintesi delle proteine e di alcuni aminoacidi (cisteina e metionina). Lo zolfo è importante anche nella fotosintesi e nel favorire la resistenza delle colture alle basse temperature. Le leguminose hanno bisogno di zolfo per una fissazione efficiente dell'azoto. Colture che hanno un'elevata produzione di sostanza secca, come il mais, in genere richiedono la quantità più elevata di zolfo. Anche patate, cotone, girasole, colza, brassicacee (cavoli, broccoli, cavolfiori) e molti altri ortaggi richiedono grandi quantità di zolfo. Una carenza di questo elemento può portare all’accumularsi di azoto nitrico, una notevole minaccia per la salute dei ruminanti al pascolo o che consumano fieno ad alto contenuto di nitrati. In alcune colture come il colza la formazione dei semi può essere inibita quando si accumulano nitrati nella pianta. Bilanciare lo zolfo con l'apporto di azoto è importante per la salute delle piante e degli animali. Negli ultimi 20 anni, la deposizione di zolfo dall'atmosfera è diminuita in modo significativo: le emissioni antropiche di zolfo, tipicamente sotto forma di anidride solforosa (SO2) si sono ridotte a tal punto che il contenuto di S di Polysulphate è risultato di grande potenziale importanza come nutriente per contrastare la carenza di S nelle colture e nei prati.
  • Il potassio (K), insieme all'azoto (N) e al fosforo (P), è uno dei tre macronutrienti vegetali essenziali, e viene assorbito dalle colture del suolo in quantità relativamente elevate. Il potassio aumenta la resa e la qualità dei prodotti agricoli, migliora la capacità delle piante di resistere alle malattie, agli attacchi degli insetti infestanti, allo stress da freddo e siccità e ad altre condizioni avverse. Aiuta a sviluppare un apparato radicale forte e sano e aumenta l'efficienza dell'assorbimento e dell'uso di N e di altri nutrienti. Inoltre, il K ha un ruolo importante nella nutrizione del bestiame. Il K in Polysulphate integra le applicazioni di routine di K nei concimi.

  • Il magnesio è un componente essenziale della molecola della clorofilla: ogni molecola contiene infatti il 6,7% di Mg. Il magnesio, inoltre, agisce anche come vettore del fosforo nelle piante. È necessario per la divisione cellulare e la formazione di proteine. L'assorbimento del fosforo non può avvenire senza Mg, e viceversa. Pertanto, il Mg è essenziale per la fotosintesi, il metabolismo dei fosfati, la respirazione delle piante e l'attivazione di una serie di sistemi enzimatici. Viene rimosso in quantità significative alla raccolta di tutte le colture, e un'applicazione di Polysulphate fornisce un utile apporto di una sostanza nutritiva che viene spesso trascurata.

  • Il calcio è il quarto elemento costitutivo di Polysulphate, ed è responsabile della corretta divisione cellulare delle piante e del rafforzamento delle pareti cellulari, migliora l'assorbimento degli altri nutrienti da parte delle radici e il loro trasferimento all'interno della pianta. Attiva una serie di sistemi enzimatici che regolano la crescita delle piante, aiuta a convertire l'azoto nitrico nelle forme necessarie per la formazione delle proteine e contribuisce a migliorare la resistenza alle malattie. Polysulphate aiuta a mantenere intatte le riserve essenziali di calcio nel terreno, può svolgere un ruolo importante come fonte di Ca nei suoli tropicali e acidi, dove si possono riscontrare carenze di Ca, e l'apporto di questo elemento può alleviare i sintomi di tossicità da alluminio comuni in quelle regioni.

Cos’è Polysulphate

Polysulphate è un nuovo concime multi-nutriente contenente quattro nutrienti che lo rendono un prodotto unico: zolfo, magnesio, potassio e calcio. È un materiale solubile, perciò i nutrienti sono facilmente disponibili per l'assorbimento da parte delle piante. Polysulphate viene estratto dallo strato di roccia polialitico, ad oltre 1000 m sotto il Mare del Nord al largo della costa dello Yorkshire settentrionale, nel Regno Unito. Depositato 260 milioni di anni fa, si trova 150-170 m sotto il filone di potassa presso la Cleveland Potash Boulby Mine. Il filone principale di Polysulphate è stato raggiunto nel settembre 2010, con l'estrazione in superficie dei primi campioni.

Polysulphate è un concime minerale naturale, disponibile sia come prodotto granulare che in polvere. Può essere applicato al terreno in molte forme, in base alle esigenze del consumatore (come concime semplice, oppure utilizzato in miscele o per l'uso nella produzione di concimi composti). Il prodotto granulare (2-4 mm) facilmente distribuibile ed è ideale da applicare insieme all'azoto. È adatto a tutte le colture e inoltre, essendo a basso contenuto di cloruri, può essere applicato anche alle più sensibili.

Polysulphate è disponibile nel suo stato naturale e ha un'impronta di carbonio ridotta. È un concime di qualità, affidabile e a basso impatto ambientale; è inoltre certificato per l'uso biologico.

Polysulphate contiene:

  • 48% di SO3 (19,2% S) come ione solfato
  • 14% di K2O (12% K) come solfato di potassio
  • 6% di MgO (3,6% Mg) come solfato di magnesio
  • 17% di CaO (12% Ca) come solfato di calcio 

La produzione di Polysulphate

Polysulphate è il marchio commerciale del minerale "polyhalite" o polialite, uno dei vari minerali contenenti potassio. È un minerale praticamente esente da impurità: la presenza massima di cloruro di sodio è del 5%. La polialite (deidrato) è un complesso monocristallino con 2 molecole d'acqua di cristallizzazione. Non è una miscela di sali. La sua formula chimica è: 

K2Ca2Mg(SO4)4•2H2

Nel Regno Unito è stata trovata una vena di polialite di alta qualità, sotto la vena esistente di silvinite che viene estratta per la produzione di KCl (cloruro di potassio o muriato di potassio) da Cleveland Potash Ltd. Sono stati aperti due pozzi gemelli nella vena di polialite dal livello di estrazione della potassa, da cui viene estratto il minerale. Si tratta della prima miniera di polialite operativa al mondo. A differenza dei fertilizzanti miscelati o composti, Polysulphate è disponibile nel suo stato naturale. Viene estratto, frantumato, setacciato e insaccato, senza separazione chimica o altri processi industriali, in un processo produttivo completamente naturale che ne fa un concime a bassa impronta di carbonio. Questo aiuta i coltivatori a raggiungere i target di impronta di carbonio richiesti dai rivenditori e da alcune industrie di trasformazione alimentare. 

Come ottenere il massimo da Polysulphate

Polysulphate offre una serie di vantaggi fondamentali, che lo rendono una scelta ideale come concime a base di solfato per gli agricoltori:

  • Elementi nutritivi facilmente disponibili nella loro forma di solfato solubile, per un rapido assorbimento
  • È concentrato, quindi ha requisiti di stoccaggio ridotto ed è veloce da distribuire
  • È una fonte unica di potassio, magnesio e calcio
  • Adatto per le colture sensibili ai cloruri, grazie al suo ridotto contenuto degli stessi
  • Ecologicamente vantaggioso perché utilizzato nel suo stato naturale, senza sotto-prodotti di lavorazione o di scarto
  • Presenta pH neutro
  • Registrato per utilizzo in agricoltura biologica.

 

Vuoi saperne di più? 

 

Contatta il consulente Polysulphate della tua zona Scopri di più su Polysulphate e Polysulphate Premium