Sostenibilità in prima linea nella produzione di patate

  • Whastsapp

Risparmiare acqua, migliorare le rese, mantenere la qualità del prodotto. Utopia?

Nella contea di Norfolk (UK) c’è un agricoltore che è davvero un passo davanti agli altri per quel che riguarda la sostenibilità ambientale: Tim Papworth.

Il Sig. Papworth, che dirige un’azienda di 1200 ha, sa bene che la coltivazione della patata può essere inquinante se non gestita correttamente. Proprio per questa ragione, ha implementato alcune pratiche aziendali per controbilanciare questa tendenza e migliorare la produttività assieme alla profittabilità.

“Abbiamo introdotto delle colture di copertura per prevenire l’erosione del suolo, stoppie durante l’inverno per fornire una risorsa di cibo agli uccelli della zona, e mantenuto con cura le siepi e i terreni boschivi per preservare la fauna e l’habitat. In tutto questo però, è il risparmio idrico ad essere in cima alla nostra agenda”.

Risparmio idrico

Perché il risparmio idrico è così importante per i coltivatori di questa area: l’East Anglia ha meno precipitazioni delle altre aree della Gran Bretagna, e presenta diverse aree di terreno sabbioso ben drenato. Non c’è da stupirsi che il Sig. Papworth abbia bisogno di irrigare regolarmente i seminativi, così come i 130 ha di patate con cui rifornisce diversi mercati.

“Una delle azioni intraprese per minimizzare lo spreco è stato sostituire gli irrigatori a pioggia con quelli ad ala piovana, che ad oggi utilizziamo su circa il 50% delle colture. Sono molto più efficienti, in quanto l’acqua è diffusa anche attraverso la lunghezza della barra, ed è distribuita vicino alla coltura, dando così un’applicazione mirata che di conseguenza non si spreca in deriva”.

Aumento della resa

In aggiunta ad una gestione oculata delle risorse idriche, Papworth è alla costante ricerca di nuove pratiche, varietà e prodotti nel tentativo di migliorare l’efficienza del suo lavoro. “Cerco costantemente di migliorare la resa delle patate utilizzando minori volumi d’irrigazione, perciò ho ospitato una prova con H2Flo di ICL, perché mi sembrava una buona opportunità di risparmiare acqua”.

L’agente umettante H2Flo migliora la distribuzione dell’acqua sia verticalmente che orizzontalmente attraverso il profilo del terreno, rendendola maggiormente disponibile alle piante ed evitando così di provocare stress in condizioni di siccità. Questo permette di risparmiare su eventuali ulteriori costi d’irrigazione. Infine, una pianta più sana e in condizioni favorevoli, rende maggiormente: così si incrementano anche i guadagni.

“Con il supporto di ICL e di Agrii (https://www.agrii.co.uk/) abbiamo applicato H2Flo ad una parcella di patate Royal, mentre una parcella adiacente è stata lasciata non trattata; entrambe le parcelle sono su terreno franco sabbioso ben drenato”.

Il Dr. Richard Collins ( tecnico ICL per il segmento agricoltura) spiega che le prove sono state monitorate con un misuratore di umidità e una centralina meteo per registrare la piovosità e i livelli d’irrigazione, così come l’assorbimento da parte delle piante.

I dati ottenuti hanno chiaramente dimostrato che l’acqua è stata in grado di penetrare più in profondità nella parcella trattata con H2Flo ed era maggiormente disponibile per le piante durante tutta la stagione di crescita. La parcella non trattata con l’agente umettante ha mantenuto un livello di umidità costante con un assorbimento minimo da parte delle piante, che avrebbe potuto diminuire ulteriormente nel caso in cui le condizioni di siccità fossero state prolungate.

“Il test finale ha mostrato che la parcella trattata ha dato una resa più alta rispetto all’altra, con un aumento da 61,5 t/ha a 72,63 t/ha”.

Prove in campo

Oltre a quanto già dimostrato, ulteriori test hanno provato che H2Flo può ridurre fino al 25% i volumi d’acqua d’irrigazione, risparmiando sia acqua che relative spese.

Dopo questa prima favorevole prova, Papworth farà seguire ulteriori test durante la stagione, su aree più ampie e con diverse varietà di patata.

“In un anno normale l’irrigazione ci costa circa 8600 £ (9683 €). Capisci come ogni risparmio sia ben accetto”.

Torna alla pagina H2Flo Leggi la prova completa (eng)