Concimi starter che fanno la differenza in agricoltura

21 gennaio 2020
  • Whastsapp

Agromaster 390 Zinc Start, 12-47-0+1Zn

Concime versatile, ideale per chi gestisce più indirizzi produttivi in azienda e ha bisogno di ottimizzare e velocizzare il lavoro.

Per trovare soluzioni sempre più efficaci e in linea con le aspettative di ogni zona e coltura, in ICL Specialty Fertilizers sperimentiamo molto sul campo e poi i risultati li presentiamo in riunioni come quella che si è svolta il 20 gennaio in collaborazione con Nuova Agraria di San Giorgio Canavese (TO).

Abbiamo condiviso con 30 agricoltori locali, le risposte che Agromaster 390 Zinc Start, 12-47-0+1Zn dà a chi, avendo appezzamenti di piccole dimensioni e aziende agricole con più indirizzi produttivi, ha la necessità di ottimizzare e velocizzare il proprio lavoro. Con questo Agromaster che ha le caratteristiche tipiche di un starter e delle "marce in più", ci si riesce bene, grazie anche al basso dosaggio e l’efficienza del prodotto.

Vediamo nel dettaglio.

La pratica tradizionale prevede un concime standard 18-46-0 con dosaggi fino a tre volte superiori a quelli possibili con Agromaster 390 Zinc Start, 12-47-0+1Zn.

Utilizzare Agromaster 390 Zinc Start significa:

  • meno fermi macchina per il riempimento delle tramogge
  • movimentazione di meno sacchi da parte degli agricoltori
  • operatività più veloce nella fase di semina
  • nessuna riduzione nei risultati produttivi della coltura
  • meno plastica da smaltire
  • meno concime da movimentare all’interno delle aziende agricole.

 

Non male, solo cambiando concime starter!